La farina in pasticceria: iniziamo a conoscerla

La farina in pasticceria

La farina in pasticceria è un altro ingrediente di base e in questo iniziamo a conoscerla per imparare ad usarla al meglio!

Cos’è la farina

Con il termine farina si indica solitamente la farina di frumento.

La farina si divide in

  • farina di grano tenero: usata principalmente per la produzione di dolci, pane e prodotti da forno
  • farina di grano duro, detta anche semola: usata per la produzione di pasta

Come si produce la farina

La farina è il prodotto della macinazione di un alimento secco come un cereale.

La macinazione avviene tramite la rottura della cariosside, il chicco del cereale, in più passaggi attraverso una serie di cilindri.

I tipi di farina

In base al tasso di abburattamento, cioè il grado di setacciatura, si distinguono i seguenti tipi di farina:

  • farina di tipo 00 e 0: hanno un colore molto chiaro e sono prive di imperfezioni, sono usate per fare la pasta e i dolci perché favoriscono una buona lievitazione e un impasto omogeneo
  • farina di tipo 1, 2 e integrale: sono adatte per impasti più rustici, come ad esempio pane e pizza

La forza della farina

La forza della farina

La forza della farina è data dalla quantità di glutine contenuto nella farina stessa e viene indicata con la lettera W.

Il glutine permette un maggior assorbimento d’acqua e una maggiore disponibilità alla lievitazione, infatti le farina di forza, cioè con W elevato, sono più adatte alle lunghe lievitazioni.

In base alla forza, la farina si divide in

  • farine deboli: fino a 170 W, sono adatte per la produzione di biscotti, pasta frolla e dolci friabili
  • farine medie: da 180 a 260 W, sono adatte per la produzione di pizza e pasta
  • farine forti: da 280 a 350 W, sono adatte per la produzione di impasti lievitati come il babà, le brioches e i pani speciali
  • farine speciali: oltre i 350 W, sono adatte per preparazioni con lievitazioni molto lunghe come i panettoni, i pandori e gli impasti speciali

Conservazione

La farina deve essere conservata in un luogo fresco e asciutto.

La farina in pasticceria

Dopo questa breve introduzione sulla farina, se avete delle domande o cuirosità, scrivetelo in un commento e sarò felice di approfondire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *